giovedì 14 settembre 2017

Nuove Martin 0-18 e 00-18

Ieri per caso (o per serendipità!) sono incappato in un articolo di acousticguitar.com che mi ha fatto battere forte il cuore: http://acousticguitar.com/review-martin-guitar-0-18/ 
Ed ho così scoperto che Martin ha deciso di rimettere in pista le piccole della serie 18 in versione aggiornata, che adesso vanno a far parte della serie Standard.
Se per la doppio zero abbiamo aspettato tutto sommato pochi anni dal ritiro della celebratissima 00-18v, una 0-18 (al netto di versioni custom) non si vedeva in catalogo da oltre 20 anni.
Le nuove arrivate sono concepite con tutte quelle caratteristiche che a noi piacciono tanto: in primis la larghezza al capotasto di 1 e 3/4, catene scalloped e ponte e tastiera in ebano. Eppoi, meccaniche aperte, battipenna tartarugato, perchè ci fanno tanto una bella figura.

Qui un confronto tdi Maury's Music tra le nuove 0-18 e 00-18:

E dalle mie parti è subito scattato l'allarme per una fuga di GAS.

39 commenti:

  1. Belline... la 00-18 mi sembra avere un suono più completo , sia in finger che in strumming , ma per certi versi forse la piccolina è più definita quindi ottima in certi contesti . Resta la prova sul campo , l'appoggio sulla panza , il feeling con il manico e , non certo poca cosa , il prezzo . Il cuore batte forte , ma lo tengo a freno e mi munisco di cardioaspirina pel l'abbisogna ;-))))))
    La misura del nut è quella che oramai preferisco , e i legni quelli giusti che affollano il cassetto dei desideri . Oramai quasi pieno e poco frequentato per evitare frustrazioni...

    RispondiElimina
  2. Ma tu le hai provate Andrè? Così a primo acchito, mi sembrano rispettare tutti i canoni Delle Martin di una volta, però come dice Stefano, bisogna appoggiarle alla panza prima di emettere un giudizio equo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea, ma la mano destra nel video, mi sembra la tua, dal pollicione almeno sembra lei....

      Elimina
    2. E' vero , i pollicioni opponibili e artigliosi sono uguali uguali :DDDDDDDD

      Elimina
    3. Mimmuzzo, Stefano, non le ho provate, magari! credo che in italia non siano manco ancora arrivate. eppoi il mio pollicione è inconfondibile, fa un movimento molto più armonioso e ampio ;))

      Elimina
    4. Chiedo scusa al tuo pollicione per averlo accostato ad un pollicetto qualunque :DDDDD

      Elimina
    5. Anche io chiedo venia al tuo pollicione, mi prenderei a schiaffi...lasciami prendere a schiaffi, ecco me so preso a schiaffi ( cit. Totò) 😉😂😂

      Elimina
  3. MI piace di più il suono della 00-18, mi sembra più aperto e completo, ma sono solo sfumature ...
    Comunque la chitarra dei miei sogni ha la paletta slotted, larghezza al nut 1" 13/16, 12 tasti, ponte pyramid.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idee molto chiare, non è poco. Puoi andare a colpo sicuro! ;)

      Elimina
    2. Beppe se si tratta di parlor, hai praticamente descritto le Eastman E10p (fasce e fondo in mogano) o E20p (palissandro)!

      Elimina
    3. Le eastman sono introvabili...

      Elimina
    4. Anche io le chitarre piccole le preferisco con la paletta slotted ed il ponte pyramid, gli aggiungono un non so che di eleganza vintage

      Elimina
  4. Mi sento esentato da commenti, che ve lo dico affà? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anzi no. Restando in argomento "chitarre piccole", devo confessare che quell'ignorante della Sigma L00 mi assorbe parecchio. Continuo a chiedermi che avrà mai 'sta chitarrina legnosa, asciutta e compressa, tutta botta e poco altro, e quando la confronto con la 00-18v mi dico "mammamia quanta roba le manca!", ma gira e rigira l'astuccio che apro più spesso è il suo. Sarà che ormai è quella che uso regolarmente alle prove e ai concerti, il muletto senza problemi, sarà che è leggera come una piuma e che alla fine quel manico largo e sottile risulta comodo assai, sarà pure che è terribilmente bella (opinione personale)... ma che ve devo dì? Chitarra imparagonabile con le due piccole Martin in questione, ma la 00 ignorante ha il suo perchè.

      Elimina
    2. a me piacque molto lì a Orta, usciva benissimo, molto comoda e diretta sulle fondamentali.
      A proposito, peccato non sia saltato fuori il video di Cant't find my way home dove me la spupazzavo io.

      Elimina
    3. Non è saltato fuori perchè il "regista" si dimenticò di spingere rec ... ;-DDDDDDDDD

      Elimina
    4. quando simili contrattempi capitano ai grandi registi, tendono a bluffare, dicendo: "buona la prima, ma per sicurezza facciamone un'altra" ;))

      Elimina
  5. Nel confronto preferisco, e di parecchio, il suono più aperto ed articolato della 0018, la 018 é più inscatolata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che vi devo dì, daccordissimo sulla maggiore sostanza della 00, eppure a me la piccolina incuriosisce da morire, e la resa sul tubo non me la conta giusta, vorrei proprio provarla.
      Ricordo la magia di una 028vs provata in negozio a Napoli che a discapito delle misure, aveva un suono a suo modo corposo ed equiibrato. In quel caso immagino c'entrasse parecchio anche la posizione del ponte tipica delle parlor, il famoso 'soft spot' che permette una trasmissione delle vibrazioni forse più efficace. costava uno sproposito.
      queste qui dovrebbero posizionarsi sull'estremo più economico della serie Standard, anche se non ho ancora trovato prezzi italiano.

      Elimina
  6. Un bel confronto che anche le mie orecchie meno esperte hanno potuto giudicare, la 0018 ha un suono più completo e aperto come già avete scritto sopra.
    Gran belle chitarre entrambe, ma ultimamente sono attratto molto dalle 00, colpa vostra ciurma di gassatori!!
    ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è tutta gas che ci si ritorce contro! ;)

      Elimina
  7. C'è anche questo video interessante
    [video]https://www.youtube.com/watch?v=16MnaZ9-7q0&list=TLGGFgIHYHxpWAkxNTA5MjAxNw[/video]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perchè ma mi dice errore... ci riprovo e metto anche il link perchè il video mi sembra ben fatto ed esplicativo sulla piccolina.
      Ecco il link https://www.youtube.com/watch?v=16MnaZ9-7q0&t=74s
      e riprovo a caricare il video
      [video]https://www.youtube.com/watch?v=16MnaZ9-7q0&t=74s[/video]

      Elimina
    2. moanco io lo vedo il video incorporato, però se apro il link in un'altra finestra, funziona

      Elimina
    3. Boh.... comunque bel video e la 0-18 suona alla grande !

      Elimina
  8. Guardando le specifiche sui titoli di coda del video postato da Stefano, ho notato che la 0-18 monta corde MSP4100 acoustic SP
    [img]http://mediacdn.shopatron.com/media/mfg/15630/product_image/thm/t430_19ef8327bf529ebf528ea42962cf1ed8.jpg?1429043673[/img]
    Ho dato un'occhiata al sito Martin. Mentre fino a poco tempo fa imperavano le MSP7100 Lifespan, ora pare che quasi tutti gli ultimi modelli 2017 montino le MSP4100. Sempre di phosfor/bronze si tratta, ma sembra un abbandono delle Lifespan come corde di riferimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato che potessero essere indicate per le chitarre piccole, ma vedo che sono montate pure sulla nuova D-28 (con scalatura 0.13). Mi toccherà provarle!

      Elimina
    2. (... forse le Lifespan duravano troppo? :D )

      Elimina
    3. erano buone, ma come corda duratura avevo preferito le elixir. Queste bisognerebbe provarle.

      Elimina
    4. Ultimamente ho comprato due mute di Cleartone bronzo fosforo 0.012 0.053 coated, ancora non le monto, costano 19€ a muta, se qualcuno di voi le ha già provate mi faccia sapere cosa ne pensa, altrimenti al prossimo cambio corde faccio io una recensione ( nel bene o nel male) 😉

      Elimina
    5. intanto ho trovato questo articolo su un blog, di cui allego il link:
      http://blog.d-musicstore.com/corde-cleartone-rivestite/
      nel quale le descrivono davvero bene... MHA!? speriamo bene anche perchè 38 eurini non sono pochi per due mute di corde

      Elimina
    6. Mimmo fallo in tutti i casi un sound test . Comunque dal tedesco costano 13,70 , dove le hai prese ? Da uno della banda della magliana ? eheheheheh

      Elimina
    7. A Latina...capirai ci sono solo due negozi di strumenti musicali, e se la comandano... però su internet le ho trovate a 15/16€ mi sa che il tedesco ne compra a vagonate e si può permettere di fare il prezzo che vuole

      Elimina
    8. Io le avevo provate nel 2013 e ho pure scritto una breve recensione.
      http://fingercooking.blogspot.it/2013/05/corde-cleartone-che-delusione.html
      Probabilmente ho beccato una muta sfigata, ma con quel che costano fa un po' innervosire. Oltre alle corde rotte dopo pochi giorni, anche il suono non mi piaceva affatto, troppo scuro e povero di armonici.

      Elimina
    9. Eccola lì.....mi sa che ho fatto una cazzata a comprarle... Però c'è da dire che ogni chitarra reagisce a suo modo...( Riconsolamoce co l'ajetto) come si dice dalle parti mie 😉

      Elimina
    10. E il bello è che al tuo post sulle Cleartone, avevo pure commentato.... l'età avanza...😁

      Elimina
    11. Probabilmente era una muta sfigata, a Mirco è successo anche con le martin lifespan e a me è capitato, poco prima del raduno di Orta, di rompere il sol di una muta elixir stirando le corde appena montate ...
      aspettiamo una tua recensione che smentisca la mia (o la confermi).

      Elimina

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Per inserire una immagine nel commento scrivi: [img]URLdell'immagine[/img]
Per inserire un video nel commento scrivi: [video]URLdelvideo[/video]